Il Marxismo culturale Estetica e politica della letteratura nel tardo Occidente

Autore: Marco Gatt
Editore: Quodlibet
Pagine: 304
Anno: 2012
ISBN: 978887462467

PREZZO: 20,00 €

StumbleUponEmail
Categorie: , , , Tag: , , , , ,
   

Descrizione

Negli anni Settanta, quando in Europa se ne decreta il fallimento politico, il pensiero marxista si ritira nella prigione dorata della teoria culturale e della riflessione estetica. La letteratura, in particolare, diviene un oggetto d’analisi costante. Alla sconfitta ideologica, si accompagna un’esplosione del marxismo in mille frammenti disciplinari, che ne sancisce una pacifica aderenza allo spirito dei tempi. Il riferimento diretto ai testi di Marx diventa scarno, indebolito nella sua portata politica. Questo libro rileva la consistenza di tale involuzione, la contesta, ma si sforza anche di comprenderne i presupposti. Li coglie nella penetrazione dello strutturalismo e delle sue logiche nella concezione materialista, provando a sostenere che la crisi del marxismo vada di pari passo con la tentata distruzione del pensiero dialettico. Da qui una proposta teorica tesa a riabilitare la matrice hegeliana e totalizzante della riflessione di Marx e a suggerire il ripristino di un’istanza critica che ragioni sui processi sociali dell’odierno capitalismo. Senza trascurare l’importanza politica della sfera estetica, che, in un mondo sempre più assediato da immagini e simboli, si scopre come un nuovo terreno d’interrogazione critica.